Terapie - TriesteAbile

Terapie

La seguente sezione è dedicata all’approfondimento di quelle terapie che, pur non essendo direttamente erogate dal Sistema Sanitario Nazionale, risultano essere di particolare beneficio per le persone disabili.

Contenuti della sezione

Ippoterapia

L’ippoterapia rappresenta un complesso di tecniche rieducative che permette di superare danni sensoriali, cognitivi e comportamentali attraverso un’attività ludico-sportiva che si svolge a cavallo. L’obiettivo è quello di migliorare il livello qualitativo della vita della persona con disabilità procurando emozioni e sensazioni di benessere indotte dal movimento del cavallo e dal contatto con lo stesso. Le suddette attività costituiscono uno stimolo a reagire sia sotto il profilo psicologico sia da un punto di vista fisico.

In campo neurologico è indicata in:

  • esiti di traumatismo cranio-encefalico sia per controllare il tono posturale che per abbandonare schemi motori globali, di massa a favore di movimenti finalizzati, coordinati e più precisi; risulta utile in questi casi anche per migliorare le difficoltà cognitive, il controllo spazio-temporale e della emotività
  • sclerosi multipla, al fine di migliorare il controllo del tono posturale, dell’equilibrio statico e dinamico, la funzione visiva e l’orientamento spaziale, nonché la sensibilità e la coordinazione
  • esiti di paralisi cerebrale infantile, allo scopo di modificare il pattern posturale da estensorio a flessorio, con controllo del tronco e degli arti inferiori, ridurre l’ipertono, favorire l’equilibrio.

In campo psichiatrico è indicata, per gli effetti cognitivo, comportamentale, relazionale e del linguaggio in:

  • forme di vario grado e tipo di insufficienza mentale
  • autismo
  • schizofrenia
  • sindrome di Down
  • diversi disturbi del linguaggio.

In campo ortopedico-traumatologico è indicata in:

  • forme algiche post-traumatiche e stabilizzate del rachide dorso-lombare (limitatamente all’andatura al “passo”)
  • la coxartrosi in fase iniziale
  • gli esiti a distanza di displasia lieve delle anche
Equilandia aiastrieste Onlus

La persona disabile che necessita della suddetta terapia può richiederne l’accesso diretto, in modo privato, attraverso l’Associazione Equilandia, sig.ra Deponte Nella Telefono 3283861567 Email: equilandia@equilandia-aiastrieste.org, ci puoi trovare il lunedì e il mercoledì dalle 16.00 alle 18.30
presso il circolo ippico in strada nuova per Opicina n°1243 (per maggiori informazioni visita il sito internet), oppure attraverso la U.O.T. – Unità Operativa Territoriale di appartenenza (Clicca qua per vedere gli indirizzi delle U.O.T.).

In un articolo su handicap e Riabilitazione Equestre il prof. Massimo Papini (Direttore della Cattedra di Neuropschiatria Infantile dell’Università di Firenze) mette l’accento sulla R.E. come modalità di riabilitazione integrata costituita cioè dalla Riabilitazione Tecnica (che mira a ridurre la disabilità) congiuntamente alla Riabilitazione Sociale (intesa a ridurre le specifiche problematiche dell’handicap). La riabilitazione equestre, svolta in un ambiente non medicalizzato e spesso frequentato anche da persone normodotate si presenta dunque come un buon esempio di riabilitazione integrata in cui l’intervento riabilitativo sulla disabilità è incluso in un’attività di tipo sociale e sportivo. Questo vale soprattutto per la fase di rieducazione equestre, mentre nella fase di ippoterapia prevale la riabilitazione tecnica e in quella sportiva prevale riabilitazione sociale.

La FRDI (Federazione Internazionale di Equitazione Terapeutica) ha individuato nel corso degli anni gli ambiti e le metodiche della R.E. dividendoli come segue:

  • 1) IPPOTERAPIA: uso del movimento del cavallo come strumento terapeutico. Il soggetto non interviene attivamente o interviene in modo minimo.
  • 2) RIEDUCAZIONE EQUESTRE E VOLTEGGIO: intervento attivo della persona con impostazione della tecnica equestre.
  • 3) EQUITAZIONE SPORTIVA PER DISABILI: fase della R.E. più strettamente connessa all’attività di aggregazione e socializzazione che può anche includere l’attività agonistica.
  • 4) ATTACCHI

Le suddette fasi possono essere steps di un percorso, oppure il percorso può iniziare e finire all’interno della prima fase. Dipende anche dalle competenze e dal livello di disabilità.

Petra – Associazione di Volontariato ONLUS

La persona disabile che necessita della suddetta terapia può richiederne l’accesso diretto, in modo privato, attraverso l’Associazione Petra – sita in via Cesare Rossi c/o Paoletti
telefono 040 8320586 / 3356919817

Centro diurno Mitja Cuk

La persona disabile che necessita della suddetta terapia può richiederne l’accesso diretto, proponendosi come nuovo socio all’interno del Centro diurno Mitja Cuk – sito in via di Prosecco, 131 – Telefono 040 212289 / Fax 040 2155287 – per maggiori informazioni Email urad@skladmc.org

“L’amico asino”

Osoppo / San Vito di Fagagna – UD

Tutti i programmi di seguito esposti sono da considerarsi come possibili esempi di attività assistita con asini. Progettiamo le nostre attività tenendo conto delle diverse esigenze.

PROGETTI LUDICI-COGNITIVI E DIDATTICI PER LE SCUOLE D’INFANZIA
Questo programma, previsto per le scuole d’infanzia, inizia con l’incontro con gli asinelli e prosegue con le coccole reciproche tra bambini ed animali, cenni di onodidattica e termina con una passeggiata all’esterno dell’asineggio.

PROGETTI DI ZOOANTROPOLOGIA DIDATTICA PER SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE
Programmi rivolti alle scuole che applicano le valenze educative e didattiche della referenza animale, si svolgono presso l’asineggio oppure presso le scuole che ne fanno richiesta.

PROGETTI PER IL TURISMO ECO-SOCIALE INCONTRI IN ASINEGGIO
Gli incontri in asineggio sono rivolti a tutti coloro che desiderano conoscere gli asini, splendidi animali, attraverso le coccole, il grooming (governare e stigliare gli asini), la loro conduzione e alcuni cenni di cavalcatura.

L’attività viene svolta sotto il controllo di un operatore A.M.A (attività di mediazione con l’asino) che garantirà la sicurezza sia per i clienti che per gli asini.

TREKKING A PASSO D’ASINO (TREKKINGSOMEGGIATO)
Si tratta di un vero e proprio trekking rivolto a singoli, a gruppi e famiglie. Il cammino, cadenzato dal ritmo lento dettato dagli asini, riporta alla mente la dimensione spazio temporale presente nelle civiltà ancestrali riportando l’uomo al contatto con la natura ritrovando la calma di movimenti lenti e pensieri, riscoprendo il rapporto uomo animale. Si può scegliere un trekking da mezza giornata o da un giorno intero. Gli asini accompagnano i partecipanti con basti sui quali verranno caricati i viveri, all’occorrenza possono accompagnare il trekking asini preparati con selle per i bambini o disabili.

Gli asini sono sempre accompagnati da un conduttore il quale si occupa del benessere degli animali e della relazione tra gli asini e i partecipanti al trekking. Tutte le proposte sono rivolte a gruppi di persone ed a singoli, i prezzi variano a seconda dei giorni di cammino, degli asini da impiegare e del tipo di accoglienza (vitto ed alloggio) desiderato, per le famiglie ci sono degli sconti sulle tariffe applicate. È possibile usufruire della disponibilità dell’operatrice per progettare trekking individuali sulla base delle proprie esigenze ed aspettative.

PROGETTI DI ONOTERAPIA
Tutti i progetti di onoterapia debbono essere sempre organizzati come un ciclo di incontri che a livello progettuale impone un approccio graduale all’asino nella sua dimensione relazionale mediata dall’operatore. Si possono distinguere due tipologie di progetti di onoterapia. La prima tipologia prevede a livello progettuale una serie di incontri con l’accento posto sulla sfera dell’emotività e dell’affettività.

La seconda tipologia prevede un ciclo di incontri basati sulla comunicazione verbale e non verbale. Il comportamento affettuoso dell’asino, che cerca il contatto fisico, è empatico e la sua intelligenza, lo fanno un animale particolarmente adatto ad intraprendere progetti di Pet-Therapy. Adatto in presenza di disturbi dalla sfera emotiva ed affettiva ovvero disturbi della personalità, relazionali, cognitivi, disturbi dello sviluppo e problematiche sociali.

Si realizzano progetti socio-affettivi per persone anziane in case di ospitalità, per persone con disagi psichici e progetti psicomotori per adulti e bambini. Vengono utilizzati strumenti per la cura dell’asino al fine di recuperare la motricità. Disturbi comportamentali, dell’apprendimento e alimentari. Vengono inoltre realizzati progetti per persone con disabilità. Lo scopo dell’attività assistita con l’asino, onoterapia, è di far vivere un’esperienza ed un tipo di relazione gratificante ed esplorare attraverso questa una modalità comunicativa alternativa.

Attività svolte dalla dott.ssa Erica M.Franzil (Laurea magistrale in psicologia specializzata in disturbi dell’apprendimento scolastico e lavorativo e pet therapy).

Musicoterapia

La Musicoterapia è l’uso della musica e/o degli elementi musicali (suono, ritmo, melodia e armonia) da parte di un musicoterapeuta qualificato, con un cliente o un gruppo, in un processo atto a facilitare e favorire la comunicazione, la relazione, l’apprendimento, la motricità, l’espressione, l’organizzazione e altri rilevanti obiettivi terapeutici al fine di soddisfare le necessità fisiche, emozionali, mentali, sociali e cognitive. La Musicoterapia mira a sviluppare le funzioni potenziali e/o residue dell’individuo in modo tale che il paziente o la paziente possano meglio realizzare l’integrazione intra/interpersonale e consequenzialmente possano migliorare la qualità della loro vita grazie ad un processo preventivo, riabilitativo o terapeutico.

Scuola di Musica 55

Le persone disabili che necessitano della suddetta terapia possono richiederne l’accesso diretto, in modo privato, attraverso la Cooperativa Scuola di Musica 55 – sita in Via dei Capitelli, 3 – Telefono 040307309 – da lunedì a venerdì dalle 15.00 alle 19.00 – il giovedì anche dalle 10.00 alle 12.00 (per maggiori informazioni visita il sito internet – Email: info@scuoladimusica55.it)

AMTT – Accademia Musical Theatre Trieste

Le persone con disabilità anche grave, con disturbi neurocognitivi, disagio psichico e/o psico sociale (bambini, adolescenti e adulti) che abbiano desiderio o necessità di accedere al percorso musicoterapico, possono rivolgersi direttamente alla segreteria di AMTT: via Caprin, 7 – Telefono 0409981088 / 3486831038
Per maggiori informazioni visita il sito internet – Email: info@amtt.it)

A.L.MA. – Associazione Luigi Mauro
Gruppo Studi di Musicoterapia di Trieste

Le persone disabili (sia fisiche che mentali) di qualunque età che necessitano della suddetta terapia (anche a domicilio) possono richiederne l’accesso diretto attraverso l’Associazione Luigi Mauro – Gruppo Studio di Musicoterapica – sita in Via dei Cunicoli, 8 c/o Scuola Primaria “L. Mauro” – Telefono 3288231909 / 3299478956 – Email: almamusicoterapiats@libero.it

Associazione per la lotta all’ICTUS Cerebrale

Le persone colpite dall’Ictus Cerebrale che necessitano della suddetta terapia possono richiederne l’accesso diretto attraverso l’Associazione per la lotta all’Ictus Cerebrale – sita in Via Valmaura, 59 c/o DSS 3 – Telefono 0403995803 / 3356788320 –. Per ulteriori informazioni: alicefvg.ts@libero.it, dariomosetti@libero.it

Associazione In Cammino

Le persone con disabilità psichica che necessitano della suddetta terapia possono richiederne l’accesso diretto attraverso l’Associazione in Cammino (promuove il sostegno alle persone con disabilità psichica) – sita in Via Muzio, 5/1 – Tel 040370408 / 3393602139 per maggiori informazioni erica.mastrociani@coperativalybra.it

Pet Therapy

La Pet Therapy viene tradotta in “Terapie effettuate con l’ausilio di animali” o Uso Terapeutico degli animali da compagnia. Si tratta di una attività terapeutica vera e propria (cioè con precise caratteristiche) finalizzata a migliorare le condizioni di salute di un paziente mediante specifici obiettivi.
È una terapia di supporto che integra, rafforza e coadiuva le terapie normalmente effettuate per il tipo di patologia considerato.
Può essere impiegata, con pazienti affetti da varie patologie, con questi obiettivi:

  • cognitivi ( miglioramento di alcune capacità mentali, memoria, pensiero induttivo);
  • comportamentali (controllo dell’iperattività, rilassamento corporeo, acquisizioni di regole);
  • psicosociali (miglioramento delle capacità relazionali, di interazione);
  • psicologici in tempo stretto (trattamento della fobia animale, miglioramento dell’autostima).

Sono interventi con obiettivi specifici predefiniti, in cui gli animali rispondenti a determinati requisiti sono parte integrante dei trattamenti volti a favorire il miglioramento delle funzioni fisiche, sociali, emotive e/o cognitive, nonché della salute del paziente. Si tratta di co-terapie dolci, che affiancando i consueti trattamenti, si rivelano efficaci, anche laddove questi non riescono, grazie soprattutto alla presenza dell’animale. Bisogna individuare gli obiettivi specifici per ciascun destinatario dell’intervento.

Petra – Associazione di Volontariato ONLUS

La persona disabile che necessita della suddetta terapia può richiederne l’accesso diretto, in modo privato, attraverso l’Associazione Petra – sita in via Cesare Rossi c/o Paoletti – telefono 040 8320586 / 3356919817 – per maggiori informazioni E-mail petra@tcd.it

Associazione Amico Cane – Trieste

La persona disabile che necessita della suddetta terapia può richiederne l’accesso diretto, previa richiesta da parte di personale medico, psicologo, fisiatra…, in modo privato attraverso l’Associazione Amico Cane di Trieste – c/o Massimiliano Della Valle – Via Soncini, 124 – telefono 3336475308 E-mail info@amicocanetrieste.it

Terapia del sorriso – Patch Therapy

La Terapia del Sorriso si basa sugli effetti positivi psicologici e biologici del riso. Questo tipo di cura nasce in America. I primi dottori-clown sono Michael Christensen e Paul Binder. Il primo era un vero e proprio pagliaccio presso un circo a New York. Nel 1986 i due fondano “The Clown Care Unit”, l’unità di clown terapia, che fa della risata una specie di medicina. Nei primi anni Novanta questo tipo di cura sbarca anche in Europa; gli ospedali francesi e svizzeri sono i primi ad accoglierla. Nella naturalizzazione essa prende il nome di “Le Rire Medicin”. La grande fortuna, però, arriva alla fine degli anni Novanta, quando dalla figura di un noto medico della West Virginia viene preso spunto per un celebre film. Lui è Hunter “Patch” Adams. Nel 1971 questo dottore alquanto originale fonda, con la collaborazione della compagna e di alcuni amici, l’Istituto Gesundheit. Per molti aspetti il suo è stato un vero e proprio colpo di genio, i risultati denotano un incremento delle guarigioni che ha dell’incredibile.

  • Ridere infatti è un esercizio muscolare e respiratorio che permette un fenomeno di purificazione e liberazione delle vie respiratorie superiori; ridere può in effetti far cessare una crisi di asma provocando un rilassamento muscolare delle fibre lisce dei bronchi, per azione del sistema parasimpatico. Per coloro che soffrono di enfisema, ridere, provocando l’aspirazione dell’aria, migliora l’insufficienza respiratoria.
  • Ridere ha un effetto benefico sul colesterolo in quanto promuove l’aumento degli scambi polmonari e tende ad abbassare il tasso di grasso nel sangue.
  • Ridere fa rilassare il nostro corpo. Da quando si inizia a ridere, il cuore e la respirazione accelerano i ritmi, la tensione arteriosa cala e i muscoli si rilassano. Si può affermare quindi che il riso ha un ruolo di prevenzione dell’arteriosclerosi.
  • Ridere possiede una funzione depurativa dell’organismo ed espellendo anidride carbonica permette un miglioramento delle funzioni intestinali ed epatiche.
  • Ridere combatte la stitichezza perché provoca una ginnastica addominale che rimesta in profondità l’apparato digestivo.
  • Ridere, sullo stato generale di salute, combatte la debolezza fisica e mentale: la sua azione infatti causa una riduzione degli effetti nocivi dello stress.
  • Ridere calma il dolore, in quanto distrae l’attenzione da esso e quando lo stesso dolore riappare non ha più la stessa intensità.
  • Ridere è un primo passo verso uno stato di ottimismo che contribuisce a donare gioia di vivere e quindi ha delle proprietà antidepressive. Anche l’insonnia passa, perché ridere diminuisce le tensioni interne.

L’intervento dei dottori clown presso l’ospedeale Infantile Burlo di Trieste, non è solo un servizio di attività ricreativa ma un supporto psicopedagogico e viene in aiuto ai piccoli pazienti che si trovano a dover superare l’impatto con la realtà ospedaliera. Spesso i dottori del sorriso non si limitano a fare visita al piccolo degente, ma affiancano il medico “regolare” fin dalla fase di accoglienza del bambino, al Pronto Soccorso Pediatrico, all’ingresso nel reparto, durante le visite, i prelievi, le iniezioni. In tutti quei momenti, insomma che possono spaventare il bimbo. L’utilità del medico clown non è limitata al campo psicologico, in quanto aiuta il bambino ad inserirsi più serenamente nel contesto ospedaliero, ma ha anche dei positivi riflessi sulle terapie: il sorriso produce endorfina e chi sorride ha una migliore difesa immunitaria.

Gruppo Azione Umanitaria

L’Associazione Gruppo Azione Umanitaria promuove la Terapia del Sorriso (collabora con la Compagnia dell’Arpa a dieci corde) – sita in Viale D’Annunzio, 68 – telefono 040 948562 / 040 275399 Fax 040 948562 – Email gau-trieste@libero.it

Petra – Associazione di Volontariato ONLUS

La persona disabile che necessita della suddetta terapia può richiederne l’accesso diretto, in modo privato, attraverso l’Associazione Petra – sita in via Cesare Rossi c/o Paoletti – telefono 040 8320586 / 3356919817 – per maggiori informazioni E-mail petra@tcd.it

Talassoterapia

La Talassoterapia è una terapia legata al mare, che ha origini antichissime ed era già conosciuta e utilizzata dai greci. Il termine “thalassa” deriva infatti dal greco e significa “mare”.
Fu divulgata nel lontano 1700 dal medico inglese Richard Russel, che credeva nell’efficacia degli agenti naturali come metodi di cura e di prevenzione. Nel ‘700 si usava addirittura far bere dell’acqua di mare per curare alcuni disturbi. Viene chiamata anche la Terapia del Mare. La principale caratteristica dell’acqua di mare è la salinità. La composizione dei sali contenuti è pressoché costante, mentre può variare la concentrazione. La salinità media delle acque superficiali dei tre oceani Atlantico, Indiano e Pacifico è del 75 per 1000, con lievi differenze secondo le latitudini e le stagioni. Nel Mar Mediterraneo e nei mari interni la salinità varia da 36 a 39 per 1000, mentre salinità più elevate si registrano nel Mar Rosso 40-41 per 1000) e nel Golfo Persico. Salinità inferiori si hanno nel mar Nero e in prossimità delle foci dei grandi fiumi. La Talassoterapia è particolarmente indicata per combattere stress, stanchezza, dolori articolari, problemi circolatori e di sovrappeso ecc.

Acquamarina
2001 Società Sportiva Dilettantistica srl

La persona disabile che necessita della suddetta terapia può richiederne l’accesso diretto, in modo privato, attraverso la Piscina Acquamarina – sita in Molo f.lli Bandiera, 1 – Telefono 040 301100 – per maggiori informazioni E-mail acquamarina@2001team.com

×

Ciao!

Per comunicare con il nostro operatore devi prima salvare nella tua rubrica il numero
+39 375 5044777

× Scrivici su WhatsApp!
Skip to content