id_tab3_row0 CHI SIAMO | CONTATTACI | ACCESSIBILITA'
idnavigation
Sezioni in aggiornamento
idmenu1
Informazione 
 · Agevolazioni
 · Pensioni ed Indennità
 · Servizi socio-sanitari
 · Mobilità
 · Barriere architettoniche
 · La casa
 · Istruzione
 · Formazione e Lavoro
 · Cooperative
 · Associazioni
 · Patronati
 · Ammin. di Sostegno
 · Assistenti Familiari
 · Modulistica
 · Normative
 · Siti utili
 · Risorse del Territorio
Minori 0-17 anni 
 · Indennità
 · Servizi socio-sanitari
 · Istruzione scolastica
 · Scuole
 · Centri di aggregazione
Socializzazione 
 · Motore di Ricerca: Comunità attiva
 · Raccolta News
 · Photoalbum
 · Tempo libero
 · Sport e Terapie
 · Turismo

idmenu2
Area Riservata

16 maggio 2019 - Premio "TURISMI ACCESSIBILI" 2019: I vincitori 

 
 
 
   
4turismiaccessibili

Comunicato stampa

Assegnati i riconoscimenti del 4° premio internazionale bandito dalla onlus Diritti Diretti, con il patrocinio di: Parlamento europeo, Commissione Europea - Rappresentanza in Italia, Presidenza del Consiglio dei Ministri, Camera dei deputati e Regione Abruzzo.

Il 'Premio del pubblico' del 4° concorso internazionale 'TURISMI ACCESSIBILI - Giornalisti, Comunicatori e Pubblicitari superano le barriere' (www.turismipertutti.it) bandito dalla onlus Diritti Diretti è assegnato all'opera “Anche Agli Asini Piace Giallo - Il Primo Cammino Inclusivo”: Viaggio a piedi, accessibile e inclusivo per non | ipo | normo vedenti, svoltosi dal 28 al 31 marzo 2019 lungo 80 km della Via di Transumanza, da Cascina (PI) al mare.

Con 240 punti, la proposta turistica realizzata da NoisyVision Onlus è, infatti, l'opera più votata sul sito web Turismipertutti.it e riceverà Euro 1.000,00 (Mille).

Come si legge sulle pagine web della associazione, è un progetto nel quale «il non vedente era guidato dal compagno di cammino vedente, il quale a sua volta traeva soddisfazione a essere di aiuto; ma anche il vedente era guidato, dal non vedente, ad affinare la capacità di percepire attraverso gli altri sensi il mondo che lo circondava: il profumo della natura, il vento e il calore del sole che accarezzavano il corpo, il fruscio degli alberi, le sensazioni che dai piedi salivano lungo le gambe, passo dopo passo. Entrambi provavamo le stesse sensazioni, in uno scambio reciproco realmente e materialmente alla pari, in una danza tra il fidarsi e affidarsi a vicenda. Il compagno che veniva guidato non era sempre la stessa persona, per cui lo scambio dell'esperienza sensoriale e di ''vicinanza'' è avvenuta fra i diversi partecipanti».

Leggi l'articolo completo alla fonte: dirittidiretti.it