id_tab3_row0 CHI SIAMO | CONTATTACI | ACCESSIBILITA'
idnavigation
Sezioni in aggiornamento
idmenu1
Informazione 
 · ICF
 · C.U.P.H.
 · Agevolazioni
 · Pensioni ed Indennità
 · Servizi socio-sanitari
 · Fondi Auton. Possibile
 · Mobilità
 · Barriere architettoniche
 · La casa
 · Istruzione
 · Formazione e Lavoro
 · Cooperative
 · Associazioni
 · Patronati
 · Ammin. di Sostegno
 · Assistenti Familiari
 · Modulistica
 · Normative
 · Siti utili
 · Risorse del Territorio
Minori 0-17 anni 
 · Indennità
 · Servizi socio-sanitari
 · Istruzione scolastica
 · Scuole
 · Centri di aggregazione
Socializzazione 
 · Motore di Ricerca: Comunità attiva
 · Raccolta News
 · Sondaggi
 · La vostra voce
 · Segnalazioni
 · Progetti mirati
 · Photoalbum
 · Tempo libero
 · Sport e Terapie
 · Turismo
 · Downloads

idmenu2
Area Riservata

24 e 25 maggio 2018 - Palermo, FASCINO A ROTELLE: Commedia che scavalca l'idea romanzata della disabilità

 
 
 
   
fascinoarotelle

Fascino a rotelle. È questo il titolo dell'opera teatrale scritta da Dario Scarpati (Attore e regista) e liberamente ispirata a Simona Petaccia, giornalista e presidente della onlus Diritti Diretti.

Il 24 e il 25 maggio 2018 (ore 21:00) va in scena per la prima volta al Teatro Sant'Eugenio di Palermo (Piazza Europa, 39/40), nell'ambito degli eventi organizzati per celebrare il 10° compleanno di Diritti Diretti.

Si tratta di una commedia incentrata su Marta: una donna con disabilità che, con astuzia e sex-appeal, riesce sempre a ottenere ciò che vuole dal marito Luigi (interpretato dallo stesso Scarpati).

Attraverso sotterfugi e giochi di parole affidati ai due sposi assieme a una vicina indiscreta e a un bizzarro architetto, l'autore usa il teatro come un canale comunicativo privilegiato per spazzare via tutte quelle convenzioni sociali che dipingono i disabili come poveretti da compatire o single per scelta altrui.

Scarpati trasforma così la narrazione del quotidiano e la manifestazione dei personaggi in un copione dalla profonda simbologia componendo un lavoro teatrale che, con ironia, supera l'idea dell'integrazione tra 'abili' e 'disabili' perché la dà per scontata. Quello che l'autore porta in scena è l'interazione tra persone, ognuno con i propri contrasti e le proprie debolezze. Con 'Fascino a rotelle', infatti, si vivono la vanità, la passione, la paura, la maldicenza, l'avarizia, il dilettantismo ecc. In una parola: La realtà.

Gli altri interpreti della commedia sono: Laura Gestivo (Marta), Luciano Cucinotta (Architetto), Miriam Mandosi (Sig.ra Picciuoli). 

Leggi l'articolo completo alla fonte: dirittidiretti.it