id_tab3_row0 CHI SIAMO | CONTATTACI | ACCESSIBILITA'
idnavigation
Sezioni in aggiornamento
idmenu1
Informazione 
 · ICF
 · C.U.P.H.
 · Agevolazioni
 · Pensioni ed Indennità
 · Servizi socio-sanitari
 · Fondi Auton. Possibile
 · Mobilità
 · Barriere architettoniche
 · La casa
 · Istruzione
 · Formazione e Lavoro
 · Cooperative
 · Associazioni
 · Patronati
 · Ammin. di Sostegno
 · Assistenti Familiari
 · Modulistica
 · Normative
 · Siti utili
 · Risorse del Territorio
Minori 0-17 anni 
 · Indennità
 · Servizi socio-sanitari
 · Istruzione scolastica
 · Scuole
 · Centri di aggregazione
Socializzazione 
 · Motore di Ricerca: Comunità attiva
 · Raccolta News
 · Sondaggi
 · La vostra voce
 · Segnalazioni
 · Progetti mirati
 · Photoalbum
 · Tempo libero
 · Sport e Terapie
 · Turismo
 · Downloads

idmenu2
Area Riservata

16 novembre 2017 - Al cinema "Ogni tuo respiro", la vera storia di un amore senza confini

 
 
 
   
ognituorespiro

Una storia di amore e coraggio che supera ogni confine quella di Ogni tuo respiro (Breathe), pellicola diretta da Andy Serkis nei cinema italiani il 16 novembre.

Basato su una sceneggiatura dell’autore due volte candidato agli Oscar William Nicholson (Everest, Les Misérables e Il gladiatore), il film racconta le vite di due persone forti e piene di risorse la cui esistenza subisce un’improvvisa battuta d’arresto a causa di una devastante tragedia. La loro lotta segnerà l’inizio di una lunga crociata in difesa delle persone gravemente disabili. 

Ogni tuo respiro si ispira alla vera storia dei genitori del produttore Jonathan Cavendish.

Nel 1957, Robin Cavendish (Andrew Garfield), un prestante e carismatico giovanotto inglese, incontra una splendida donna di nome Diana Blacker (Claire Foy) e nel giro di breve tempo decide di sposarla. Insieme alla moglie si trasferisce in Kenya, dove lavora come intermediario nel commercio del tè.

Ma nel giro di pochi mesi viene colpito dalla poliomielite, che lo lascia completamente paralizzato dal collo in giù e dipendente da un respiratore artificiale. Ma Robin desidera più di qualsiasi altra cosa vivere nel mondo anziché in un letto d’ospedale e Diana è fermamente determinata ad aiutarlo a realizzare il suo sogno.

Contro il parere di tutto il personale medico, Robin lascia l’ospedale e riesce a riconquistare una certa autonomia grazie a una straordinaria sedia a rotelle collegata a un respiratore, progettata e realizzata da un suo amico, il Professor Teddy Hall (Hugh Bonneville).

Già solo compiendo quest’atto di sfida, Robin diventa già un pioniere, ma è soltanto l’inizio di una lunga crociata in difesa di altre persone gravemente disabili che hanno come lui il diritto di beneficiare di quel grado di mobilità per cui ha tanto lottato.

Spiazzando i medici specialisti solo con la sua sopravvivenza, Robin lotta instancabilmente per tutelare i diritti dei disabili, con l’amata moglie Diana sempre al suo fianco.

Scarica la locandina

Vai alla fonte: diregiovani.it