id_tab3_row0 CHI SIAMO | CONTATTACI | ACCESSIBILITA'
idnavigation
idmenu1
Informazione 
 · ICF
 · C.U.P.H.
 · Agevolazioni
 · Pensioni ed Indennità
 · Servizi socio-sanitari
 · Fondi Auton. Possibile
 · Mobilità
 · Barriere architettoniche
 · La casa
 · Istruzione
 · Formazione e Lavoro
 · Cooperative
 · Associazioni
 · Patronati
 · Ammin. di Sostegno
 · Assistenti Familiari
 · Modulistica
 · Normative
 · Siti utili
 · Risorse del Territorio
Minori 0-17 anni 
 · Indennità
 · Servizi socio-sanitari
 · Istruzione scolastica
 · Scuole
 · Centri di aggregazione
Socializzazione 
 · Motore di Ricerca: Comunità attiva
 · Raccolta News
 · Sondaggi
 · La vostra voce
 · Segnalazioni
 · Progetti mirati
 · Photoalbum
 · Tempo libero
 · Sport e Terapie
 · Turismo
 · Downloads

idmenu2
Area Riservata

14 gennaio 2011 - Bracciano (RM), Aais: "Progetto APIABILI"

miele

I ragazzi disabili del centro diurno dell'Aais (Associazione per l'assistenza e l'integrazione sociale) di Bracciano stanno imparando a gestire un apiario ed a produrre miele per poi guidare, sotto la supervisione dei loro assistenti, visite scolastiche al centro. Si chiama "Apiabili" il progetto che unisce le api e le persone con disabilità in uno speciale corso di formazione.

Le modalità della didattica sono all'insegna della sperimentazione, infatti i docenti dell'Unità di Apicoltura dell'Istituto zooprofilattico hanno preparato appositi materiali didattici per facilitare l'apprendimento dei concetti più complicati attraverso divertenti dimostrazioni pratiche.

Il progetto nasce all'interno del più ampio programma "Curare Educare Relazionarsi con le Api (C.e.r.a.)", che coinvolge i ragazzi disabili in attività formative.

I protagonisti, saranno 6 o 7  ragazzi con varie forme di disabilità del centro diurno dell'Aais ritenuti idonei a questa attività dalla psicologa e dal personale che se ne occupa. La scelta della api nasce da fatto che esse rappresentano un efficiente modello di cooperazione e dall'esigenza di monitorare il fenomeno che le ha viste finora a dir poco decimate.

Fonte: Roma Salute News