id_tab3_row0 CHI SIAMO | CONTATTACI | ACCESSIBILITA'
idnavigation
Sezioni in aggiornamento
idmenu1
Informazione 
 · Agevolazioni
 · Pensioni ed Indennità
 · Servizi socio-sanitari
 · Mobilità
 · Barriere architettoniche
 · La casa
 · Istruzione
 · Formazione e Lavoro
 · Cooperative
 · Associazioni
 · Patronati
 · Ammin. di Sostegno
 · Assistenti Familiari
 · Modulistica
 · Normative
 · Siti utili
 · Risorse del Territorio
Minori 0-17 anni 
 · Indennità
 · Servizi socio-sanitari
 · Istruzione scolastica
 · Scuole
 · Centri di aggregazione
Socializzazione 
 · Motore di Ricerca: Comunità attiva
 · Raccolta News
 · Photoalbum
 · Tempo libero
 · Sport e Terapie
 · Turismo

idmenu2
Area Riservata

13 maggio 2010 - "Ha un Braccio Bionico, ma Guiderà l'Auto" grazie alla TMR (Tecnica di Reinnervazione Muscolare Mirata)

bracciobionico

Sarà il primo paziente al mondo con un braccio elettronico a poter guidare un'auto. Christian Kandlbauer è un uomo austriaco al quale, quando aveva 17 anni, sono state amputate entrambe le braccia dopo essere stato fulminato da una scossa elettrica da 20.000 volt.

Christian è stato anche il primo paziente europeo a riceve il trapianto di un braccio bionico comandato direttamente dal cervello. La protesi super-tecnologica è stata realizzata dalla società tedesca Otto Bock Healthcare, costa diversi milioni di euro, ma imita in modo stupefacente un arto naturale. Utilizza le terminazioni nervose del paziente per controllare i movimenti e persino la sensibilità tattile sulla punta di una delle dita. Tutte cose che hanno permesso a Christian, prima volta al mondo per un paziente con arto robotico, di passare l'esame di guida e poter tornare al lavoro.

La prima operazione con il prototipo è stata realizzata nel 2004. In pochi anni la tecnologia ha avuto notevoli miglioramenti. Il segreto del suo successo si chiama TMR, una tecnica chiamata reinnervazione muscolare mirata. In pratica, i nervi rimasti intatti dopo l'amputazione, vengono utilizzati per controllare i movimenti della protesi a partire dagli stimoli nervosi provenienti dal cervello. Unico neo, il prezzo esorbitante. Anche se Hubert Egger, l'ingegnere che guida il team di ricerca, è convinto che il costo è destinato a ridursi, garantendo l'intervento a un maggior numero di persone.