id_tab3_row0 CHI SIAMO | CONTATTACI | ACCESSIBILITA'
idnavigation
Sezioni in aggiornamento
idmenu1
Informazione 
 · Agevolazioni
 · Pensioni ed Indennità
 · Servizi socio-sanitari
 · Mobilità
 · Barriere architettoniche
 · La casa
 · Istruzione
 · Formazione e Lavoro
 · Cooperative
 · Associazioni
 · Patronati
 · Ammin. di Sostegno
 · Assistenti Familiari
 · Modulistica
 · Normative
 · Siti utili
 · Risorse del Territorio
Minori 0-17 anni 
 · Indennità
 · Servizi socio-sanitari
 · Istruzione scolastica
 · Scuole
 · Centri di aggregazione
Socializzazione 
 · Motore di Ricerca: Comunità attiva
 · Raccolta News
 · Photoalbum
 · Tempo libero
 · Sport e Terapie
 · Turismo

idmenu2
Area Riservata

fino al 15 novembre - Dubai, I protagonisti del Meeting di Lignano ai Mondiali Paralimpici di Dubai

 
 
 
   
lucacampeotto

Numerosi gli atleti che, dopo aver calcato la pista del Teghil di Lignano, saranno tra i 1600 protagonisti dei Mondiali Paralimpici  a Dubai, 7 - 15 novembre, con i primatisti mondiali Caironi e Tapia a trascinare la squadra azzurra composta anche dal friulano Luca Campeotto.

Occhi puntati su Martina Caironi (T63), che si presenta a Dubai con il record del mondo nel lungo (5m) e 14”64 nei 100m, crono che vale come seconda migliore prestazione mondiale di sempre nella specialità. L’obiettivo della bergamasca, che a Lignano si è cimentata sia sul rettilineo che in pedana, è quello di riconfermarsi ai vertici dopo le imprese olimpiche di Rio 2016, mondiali di Londra 2017 ed europee di Berlino 2018.
Lancio del disco con il primatista del mondo (46,07m) Oney Tapia (F11); al rientro dopo il lungo infortunio, il dententore del record a Lignano, doppio oro europeo e argento paralimpico a Rio, è alla ricerca del primo titolo mondiale.
Una stagione costellata di record frantumati e debutto mondiale per il friulano Luca Campeotto atteso nel giro di pista al "Dubai Club for People of Determination", lo stadio che ospiterà atleti in rappresentanza da 124 paesi.
Lungo e staffetta per Francesca Cipelli (T37), la giovane campionessa italiana alla prima esperienza in una rassegna iridata, e il veterano Roberto La Barbera (T64), argento alle paralimpiadi di Atene 2004, 6 titoli mondiali e 11 europei.
100m, 200m e staffetta per Simone Manigrasso (T64), tre volte sul podio europeo e argento mondiale nel giro di pista.

Scaricai il comunicato stampa completo