id_tab3_row0 CHI SIAMO | CONTATTACI | ACCESSIBILITA'
idnavigation
Sezioni in aggiornamento
idmenu1
Informazione 
 · Agevolazioni
 · Pensioni ed Indennità
 · Servizi socio-sanitari
 · Mobilità
 · Barriere architettoniche
 · La casa
 · Istruzione
 · Formazione e Lavoro
 · Cooperative
 · Associazioni
 · Patronati
 · Ammin. di Sostegno
 · Assistenti Familiari
 · Modulistica
 · Normative
 · Siti utili
 · Risorse del Territorio
Minori 0-17 anni 
 · Indennità
 · Servizi socio-sanitari
 · Istruzione scolastica
 · Scuole
 · Centri di aggregazione
Socializzazione 
 · Motore di Ricerca: Comunità attiva
 · Raccolta News
 · Photoalbum
 · Tempo libero
 · Sport e Terapie
 · Turismo

idmenu2
Area Riservata

17 maggio 2019 - Udine, Il campione paralimpico Andrea Devicenzi al convegno finale del 13° progetto di sport integrato

 
 
 
   
andreadevicenzi

Andrea Devicenzi, campione paralimpico e mental coach, si racconterà a studenti e persone con disabilità protagonisti del progetto “Dai e Vai: Sport, Inclusione, Integrazione, Socialità”, promosso dal Comitato Sport Cultura Solidarietà con il sostegno della Fondazione Friuli, che attraverso il Bando Welfare ha inteso sostenere questa iniziativa per la qualità dei contenuti proposti.

L'incidente in moto e la perdita di una gamba a 17 anni, costituirà il punto di partenza del racconto di Andrea che, nell'arco degli incontri in programma il 17 maggio, ore 9 e ore 11, presso la sala della Fondazione Friuli – via Manin, 15 Udine –, racconterà la sua vicenda umana e sportiva con il desiderio di dimostrare quanto sia fondamentale credere in se stessi e non mollare mai di fronte alle avversità.

L'iniziativa si inserisce all'interno del 6° “Giro d’Italia formativo” che, dal 2014, ha portato Andrea a percorrere l'intero stivale incontrando oltre 65.000 studenti invitati a (ri)scoprire e (ri)vivere 22 valori e talenti, 22 come riportato nel nome dell'associazione da lui fondata “Progetto 22”.

Desidero rendere giovani e meno giovani consapevoli delle qualità che già hanno, invitandoli a focalizzarsi su quello che c’è, che certamente può essere migliorato, piuttosto che su quello che manca”, sottolinea Andrea, argento ai Campionati Europei di Paratriathlon e autore di imprese – a detta di altri – impossibili tra cui Parigi-Brest-Parigi, la randonnée di 1200 km, la salita alla vetta indiana del Khardung La (5.602m) e l’avventura in solitaria in Perù con l’arrivo dopo 18.000m di dislivello a Machu Picchu. Archiviati i 500km del Cammino di San Francesco, attualmente Andrea sta percorrendo a tappe i 1.000km della Via Francigena, un’esperienza introspettiva ed al contempo un modo per avvicinare sempre più persone con disabilità allo sport.

Scarica il comunicato stampa

Vai alla fonte: sportculturaesolidarietà.org