id_tab3_row0 CHI SIAMO | CONTATTACI | ACCESSIBILITA'
idnavigation
Sezioni in aggiornamento
idmenu1
Informazione 
 · Agevolazioni
 · Pensioni ed Indennità
 · Servizi socio-sanitari
 · Mobilità
 · Barriere architettoniche
 · La casa
 · Istruzione
 · Formazione e Lavoro
 · Cooperative
 · Associazioni
 · Patronati
 · Ammin. di Sostegno
 · Assistenti Familiari
 · Modulistica
 · Normative
 · Siti utili
 · Risorse del Territorio
Minori 0-17 anni 
 · Indennità
 · Servizi socio-sanitari
 · Istruzione scolastica
 · Scuole
 · Centri di aggregazione
Socializzazione 
 · Motore di Ricerca: Comunità attiva
 · Raccolta News
 · Photoalbum
 · Tempo libero
 · Sport e Terapie
 · Turismo

idmenu2
Area Riservata

gennaio 2019 - Trieste, Prosegue il Progetto “Caregiver in primo piano” dell'A.I.A.S. Trieste ONLUS

 
 
 
   
aias

Il Progetto “Caregiver in primo piano”, che ha ottenuto un contributo da parte della Fondazione CRTrieste, ha avuto inizio a fine settembre 2018. 

A seguito di vari incontri con i caregiver, i Servizi Sociali del Comune di Trieste, l’ASUITs, i Centri Diurni, i volontari e gli operatori abbiamo individuato i primi 10 beneficiari ai quali illustrare il progetto. Il primo evento conviviale si è tenuto giovedì 27 dicembre 2018 dalle 11.00 alle 14.00 presso il Centro Commerciale Montedoro: festa con le persone con disabilità, relativi caregiver, volontari, soci ed amici dell’associazione. 

Continua l’attività “Suoni di benessere, empatia delle vibrazioni” fissata per il 9 e il 30 gennaio, che proseguirà fino a giugno 2019 a cadenza quindicinale, rivolta alle persone con disabilità e ai loro caregiver. Il 14 gennaio riprenderà l’attività di ginnastica posturale due volte a settimana, lunedì e giovedì 10.00/11.00 per i caregiver. L’attività è aperta a tutti gli interessati, a numero chiuso.

In gennaio 2019 programmeremo altri incontri, attività e prepareremo il relativo calendario. Sono previsti 15 incontri/ascolto e 14 incontri conviviali e culturali da fissare nell’arco di tutto il 2019.  Le  attività  prevedono un tetto massimo di 15 partecipanti. Ogni caregiver potrà partecipare ad un massimo di due attività. 

La parte più importante del progetto - formare un piccolo gruppo di operatori che possano sostenere i caregiver nella loro quotidianità con le persone con disabilità - avrà inizio a fine gennaio con una selezione di operatori effettuata dalle famiglie caregiver del Consiglio Direttivo dell’Associazione.

Scarica il comunicato stampa