id_tab3_row0 CHI SIAMO | CONTATTACI | ACCESSIBILITA'
idnavigation
Sezioni in aggiornamento
idmenu1
Informazione 
 · Agevolazioni
 · Pensioni ed Indennità
 · Servizi socio-sanitari
 · Mobilità
 · Barriere architettoniche
 · La casa
 · Istruzione
 · Formazione e Lavoro
 · Cooperative
 · Associazioni
 · Patronati
 · Ammin. di Sostegno
 · Assistenti Familiari
 · Modulistica
 · Normative
 · Siti utili
 · Risorse del Territorio
Minori 0-17 anni 
 · Indennità
 · Servizi socio-sanitari
 · Istruzione scolastica
 · Scuole
 · Centri di aggregazione
Socializzazione 
 · Motore di Ricerca: Comunità attiva
 · Raccolta News
 · Photoalbum
 · Tempo libero
 · Sport e Terapie
 · Turismo

idmenu2
Area Riservata

fino al 31 dicembre 2018 - Friuli Venezia Giulia, Sperimentazione progetto VeLa

 
 
 
   
smartworking

La Regione avvierà dal 1 novembre al 31 dicembre la fase di sperimentazione del progetto VeLa (Veloce, Leggero, Agile: smart working per la PA), azione pilota di telelavoro domiciliare finanziata dalla Ue che, nell'ottica di migliorare la conciliazione vita-lavoro, razionalizzare gli spazi e le dotazioni tecnologiche e mantenere efficienti i livelli di produttività, consentirà a un certo numero di dipendenti regionali che ne facessero richiesta (comunque non oltre il 10 per cento per ogni area di competenza) di svolgere le proprie mansioni presso le rispettive abitazioni o in strutture regionali più vicine al luogo di residenza.

Lo prevede una delibera approvata dalla Giunta Fvg, su proposta del governatore Massimiliano Fedriga e dell'assessore alla Funzione pubblica, Sebastiano Callari, dove viene anche evidenziata la possibilità di prorogare il periodo di prova fino al 31 marzo 2019.

"Riteniamo questa scelta - commenta Callari - una concreta manifestazione di civiltà e sostegno a chi ha realmente bisogno di supporto e che, grazie a questa opportunità, saprà dimostrare di confermare, se non migliorare, il rendimento".

"Al termine di questo periodo di sperimentazione - aggiunge l'assessore alla Funzione pubblica - valuteremo la possibilità o meno di strutturare un'iniziativa che recepisce le indicazioni della cosiddetta legge Madia e che, in ogni caso, nessuno prima aveva provveduto ad attivare".

Le forme di lavoro a distanza individuate dalla Regione sono Domiciliare e Telecentro e, in proporzione alle manifestazioni di interesse ricevute, coinvolgeranno per ora un numero massimo di 30 soggetti.

Quella Domiciliare, con l'attività che viene svolta a casa, è principalmente orientata a persone disabili, con problemi di salute o con documentate necessità di assistenza a famigliari. Il Telecentro, con il lavoro che viene svolto in strutture (smart building) della Regione più vicine all'abitazione rispetto alla normale sede di assegnazione, è invece rivolto a personale che risiede a distanze considerevoli dal luogo di lavoro e, magari, deve assistere famigliari in stato di bisogno o figli di età inferiore agli 8 anni.

Vai alla fonte: regione.fvg.it