id_tab3_row0 CHI SIAMO | CONTATTACI | ACCESSIBILITA'
idnavigation
Sezioni in aggiornamento
idmenu1
Informazione 
 · ICF
 · C.U.P.H.
 · Agevolazioni
 · Pensioni ed Indennità
 · Servizi socio-sanitari
 · Fondi Auton. Possibile
 · Mobilità
 · Barriere architettoniche
 · La casa
 · Istruzione
 · Formazione e Lavoro
 · Cooperative
 · Associazioni
 · Patronati
 · Ammin. di Sostegno
 · Assistenti Familiari
 · Modulistica
 · Normative
 · Siti utili
 · Risorse del Territorio
Minori 0-17 anni 
 · Indennità
 · Servizi socio-sanitari
 · Istruzione scolastica
 · Scuole
 · Centri di aggregazione
Socializzazione 
 · Motore di Ricerca: Comunità attiva
 · Raccolta News
 · Sondaggi
 · La vostra voce
 · Segnalazioni
 · Progetti mirati
 · Photoalbum
 · Tempo libero
 · Sport e Terapie
 · Turismo
 · Downloads

idmenu2
Area Riservata

28 febbraio e 1 marzo 2018 - Pordenone, "Senza Parlare"

 
 
 
   
senzaparlare

Tratto dal libro "Senza Parlare, diciotto testimonianze di nuovi straordinari dialoghi". Drammaturgia e regia Lisa Moras, produzione Teatro Comunale Giuseppe Verdi - Pordenone

Il Teatro prosegue il percorso di attenzione ai temi sociali e affronta, con questa nuova produzione teatrale, il tema della disabilità comunicativa, una condizione in cui vivono molte persone. Lo spunto di riflessione, laddove la produzione dell’anno scorso ha posto l’accento sulle problematiche legate al tema della dislessia, nasce dalla volontà di raccontare una problematica molto diffusa che colpisce attraverso le forme più disparate di patologia e infermità, senza distinzione d’età o vissuto, che mette il mondo circostante nelle condizioni di dover cercare strumenti, riflettere, attuare nuove modalità di relazione.

Sara compie 18 anni, oggi è il suo compleanno. Suo fratello maggiore, Marco, diventa suo tutore e decide di organizzarle una festa. Sara è adolescente ed è arrabbiata, non vorrebbe la festa come suo fratello la sta organizzando, come sta organizzando tante cose per la sua vita. Sara vorrebbe poter dire qualcosa ma non riesce perché impossibilitata dalla sua disabilità, non può parlare, non può usare i gesti e dipende completamente dagli altri.

Cosa succede quando l’attenzione del fratello diminuisce, quando la voce di Sara non viene ascoltata? La parabola di un giorno per raccontare una vita di difficoltà e simboleggiare il percorso di un’intera esistenza in salita in cui i piccoli desideri, i bisogni, le incomprensioni tipiche di tutti noi devono essere affrontate in un contesto di condizione estrema, in cui ogni piccola vittoria è gigantesca e ogni conquista è reale, sudata, voluta.

Un percorso che ha avuto inizio con l’analisi del libro “Senza Parlare, diciotto testimonianze di nuovi straordinari dialoghi”, passando per interviste ai familiari e agli operatori del Centro Benedetta D’Intino di Milano.

Vai alla fonte: comunalegiuseppeverdi.it